Seminario D. Polin - RealtàalloSpecchio

Vai ai contenuti

Menu principale:

Seminario D. Polin

DOMENICA 09 APRILE 2017
Seminario

DISEGNARE CON LA PARTE DESTRA DEL CERVELLO
Laboratorio introduttivo
con Daniela Polin

ORARI:
Domenica: dalle ore 9.45 alle 17.00
(pausa pranzo 13.00-14.30)

c/o Laboratorio di Formazione
via dell'Artigianato 55 - S. Giustina in Colle PD

***
CONTRIBUTO SEMINARIO: 45 €uro
Non si chiedono caparre ma si chiede che l'adesione sia impegnativa.

Iscrizioni entro il 02 Aprile
a
realtallospecchio@gmail.com
oppure al
348 3677745


Daniela Polin
Fin dall'infanzia manifesta una spiccata propensione all'arte e passione per lo studio. Consegue i diplomi di maestro orafo e successivamente quello in arti applicate e nell'oreficeria, studia Scenografia all' Accademia di Belle Arti indirizzando negli anni la sua specializzazione in Nuove Tecnologie per le Arti.
Ha seguito corsi di calligrafia giapponese con un maestro giapponese e calligrafia araba con un maestro libanese, integrandoli con i suoi studi e le sue attività. Da alcuni anni CEO di una società di cinema service, in collaborazione con produzioni cinematografiche internazionali e locali, ritornando però sempre alla semplicità del disegno e dei meccanismi della visione. Partendo dalla sua formazione artistica tradizionale nelle arti applicate approfondisce il metodo "Disegnare con la parte destra del cervello" studiando a stretto contatto con la dottoressa Edwards e il suo staff, in classi con studenti internazionali. Da qualche anno collabora anche con equipe mediche applicando l'uso del metodo "Disegnare con la parte destra del cervello", sviluppando così nuove possibilità d'applicazione. Riceve dalla stessa dottoressa Betty Edwards il riconoscimento nonchè l'autorizzazione a vita ad insegnare il metodo "Disegnare con la parte destra del cervello", e l'uso del copyright internazionale in esclusiva per il territorio italiano.

Teoria

Fin dalla preistoria il disegno ha accompagnato la nostra storia culturale e l' evoluzione umana: dai primi geroglifici nelle caverne alle grandi opere del Rinascimento fino alle più innovative correnti del nostro secolo; l’uomo ha costantemente sentito la necessità di esprimersi. Betty Edwards ha sviluppato il modo per poter attingere al potenziale creativo, attingendo a questa conoscenza possiamo goderne i benefici. Grazie alla sua intuizione iniziale propose a degli studenti di ricopiare un disegno al rovescio, facendo una scoperta che la portò ad elaborare questa importante teoria che in seguito diverrà il metodo "Disegnare con la parte destra del cervello". L’approccio della dottoressa Edwards B. si basa sulla teoria della specializzazione emisferica del cervello, sviluppata a partire dagli anni ’50, che evidenzia le funzioni cognitive specifiche e complementari di ogni emisfero. Ha approfondito le ricerche di Roger Sperry (neuroscienziato statunitense premio Nobel per la medicina nel 1981) e di altri studiosi dell’epoca che si occupavano di neuroscienza.

Betty Edwards ha dimostrato come la nostra formazione culturale occidentale e il sistema di comunicazione di massa, valorizzano e fanno ‘lavorare’ la parte sinistra del cervello (parte preposta alla logica e al calcolo). Con questa cultura Ie funzioni dell’emisfero destro (intuitive, relazionali, creative, globali e atemporali) non vengono utilizzate. Nel nostro sistema educativo: le materie principali appartengono alla sfera verbale e numerica (scrittura, lettura, matematica) che limitano la creatività. In realtà molti hanno tralasciato queste capacità bloccandosi ad un’età evolutiva precisa; questa scoperta risveglia la capacità creativa e propone in modo semplice e graduale l’arte di vedere e percepire la realtà, liberando la mente e la mano da condizionamenti e simboli non evoluti.


PROGRAMMA:

- introduzione al metodo
- approfondimento di alcune delle tematiche introdotte con lettura personalizzata del segno. Possibilità di portare disegni di familiari.
- interpretazione dei disegni prodotti
- introduzione alla stimolazione dellla ghiandola pineale attraverso l'esercizio grafico


 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu